mercoledì 22 febbraio 2017

Breve storia del futuro- Jacques Attali- Fazieditore

Il libro che presentiamo oggi è di J. Attali: Breve storia del futuro. Attali è un economista che è stato presidente della Banca Europea dello Sviluppo e consigliere di Stato. Il libro è uscito nel 2006 ma rivisto nel 2016. Nella prima parte fa una sintesi, breve ma efficace, della storia mondiale, in particolare del capitalismo. La storia del capitalismo è caratterizzata dalla presenza di centri (o "cuori come li definisce l'autore) che si sono succeduti nel tempo: da Bruges passando per Venezia sino ad arrivare a New York e ora Los Angeles. Nella seconda parte delinea una previsone del futuro fatta di alcune fasi. In una prima fase l'impero americano, pur rimanendo centrale, tenderà a decadere per lasciare il posto ad un mondo policentrico. Successivamente si avrà una preminenza del mercato (Iperimpero)  che tenderà a ridurre ulteriormente il ruolo degli Stati nazionali. Questa fase porterà ad una situazione di confusione caratterizzata da conflitti locali e per la conquista delle risorse scarse. Tali conflitti potrebbero, in seguito, tramutarsi in una guerra globale (Iperconflitto). Infine, più un auspicio che una certezza, potrebbe emergere una ripresa della democrazia a livello globale (Iperdemocrazia) con la formazione di istituzioni globali che nasceranno dall'unione di istituzioni locali e nazionali.
Avventurarsi nella previsione del futuro è certo una impresa difficile e rischiosa, il libro comunque risulta interessante e ricco di spunti di riflessione, anche se in alcune parti non convincente. Mi pare anche poco evidenziato il tema dei cambiamenti climatici che potrebbe giocare un ruolo decisivo nella storia futura, comunque complessivamente un libro da leggere.

Nessun commento:

Posta un commento